Hai scritto una poesia? Non tenerla chiusa nella scrivania!

Partecipa al concorso Petrarchin@

Hai tempo fino al 15 febbraio 2019

Non essere ritroso/a, ogni poesia è degna di essere diffusa, basta che sia scritta in versi e non in prosa. Bene accetto è il sonetto, ma anche il madrigale, la canzone e il brano rap. Sono accolte le frottole e le filastrocche, nonché i versi sciolti e legati, purché sinceri e appassionati, non abbiano una lunghezza esagerata e siano scritti in italiano senza sbavature.

Inviate, inviate pure, non vi fate intimorire da sapienti e professori;
per essere creativi, non serve il bollino della Crusca, che distingua il volgare dall'illustre.
Non sia mai detto che la rima debba essere perfetta, baciata o incatenata, lasciate che le sillabe si uniscano in maniera inusitata, se il ritmo è avvolgente un'assonanza è già abbastanza, l'importante è che nei versi ci sia della sostanza. Perciò, dateci retta, inviate senza esitare ciò che avete scritto, se vi sembra aver costrutto, senza timore della bocciatura, se i vostri versi sono sinceri li può leggere il mondo intero. E per finire, ascoltate questo detto: la poesia che avete fatto non vi toglie l'appetito come un panino al prosciutto, ma può liberarvi l'anima dall'umore brutto.

Scrittura

Sono ammesse poesie a tema libero di qualsiasi tipologia: dal sonetto al rap, dalla canzone al madrigale, purchè non si superino i 35 versi e siano scritte in italiano

Invio

Per l'ammissione al concorso le poesie devono essere inviate non oltre le ore 24 del 15 Febbraio 2019, compilando l'apposita pagina di questo sito (iscrizione).

Valutazione

La giuria selezionerà 20 poesie, 10 per ciascuna sezione, le quali a giudizio insindacabile della stessa, saranno ammesse alla fase finale.

Premiazione

La premiazione avverrà il 21 Marzo 2019 alle ore 10,30 al teatro Vascello, in Via Giacinto Carini 78 - Roma
Alle autrici e agli autori delle poesie vincitrici saranno assegnati premi di carattere culturale (buoni d'acquisto libri, abbonamenti annuali per il teatro e il cinema).

Iscriviti ora, c'è tempo fino al 15 Febbraio 2019!

Leggi il regolamento qui.



Le parole

La poesia è fatta di parole, quindi un concorso di poesia non può che iniziare con una dichiarazione d'amore alle parole, in questo caso a quelle della nostra madre lingua: l'italiano.

Le parole sono importanti,
più ne conosci e meglio ti senti;
ci sono quelle leggere e quelle pesanti,
quelle vacue e quelle pensanti,
alcune le senti vicine, altre distanti;
da sole non dicono niente,
insieme chiariscono gli intenti.
Le parole aiutano a capire e aprono la mente;
se le usi male puoi toccare il fondo,
se le usi bene puoi cambiare il mondo,
perché è dalle parole che principiano i mutamenti.
Con i suoni e con le immagini,
le parole si accordano meravigliosamente.